Attualità

Come scegliere la specchiera: i consigli di Arblu

 La scelta dello specchio non ha solo un obiettivo funzionale: il prodotto giusto aiuta nella progettazione dell’intero spazio, conferendo uno tocco personale e migliorando la percezione dell’ambiente circostante. Quali sono, quindi, i fattori da considerare?

La specchiera è indispensabile in ogni bagno, per funzionalità ed estetica. Come sceglierla correttamente? Sul sito di Arblu blog è stata pubblicata una breve guida dedicata ai fattori principali da considerare, come forma, misura e cornice. Ne riportiamo qui un breve stralcio. 

Specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame? No, non è una mera questione di vanità: la specchiera è un elemento indispensabile in ogni abitazione, uno degli oggetti di uso quotidiano sui quali facciamo più affidamento. Non a caso in bagno, la stanza più intima della casa, non può assolutamente mancare. La scelta dello specchio, però, non ha solo un obiettivo funzionale: il prodotto giusto aiuta nella progettazione dell’intero spazio, conferendo uno tocco personale e migliorando la percezione dell’ambiente circostante. Quali sono, quindi, i fattori da considerare?

Scegliere la forma della specchiera

In fase progettuale la “visione d’insieme” è fondamentale e la scelta dello specchio non fa eccezione: il punto di partenza sarà quindi sempre una valutazione dello stile dell’arredo. È moderno, tradizionale, contemporaneo o eclettico? Ogni estetica può contare su molteplici proposte. La più diffusa (e tradizionale) tra le scelte è sicuramente la specchiera rettangolare o quadrata, un passe-partout per ogni tipo di arredo. Si tratta infatti della soluzione più versatile, in grado di integrarsi armonicamente a mobili dalle linee austere e minimali, così come ad ambienti più rilassati e dal sapore vintage. Le attuali tendenze, tuttavia, sembrano orientarsi sempre più spesso verso forme diverse, in grado di dare un apporto stilistico ulteriore alla stanza. La specchiera acquisisce così ancor di più la sua funzione di elemento decorativo. Uno specchio tondo può rendere più contemporaneo un design minimale di stampo scandinavo, mentre la versione esagonale è in grado di dare un tocco retrò a qualsiasi arredo. Progetti più ambiziosi possono poi orientarsi verso disegni su misura, creati dalla mano esperta dei mastri vetrai.

Per leggere il resto dell’articolo sul ito si Arblu Blog CLICCARE QUI.

production mode