Attualità

Appuntamento a Cersaie con Shigeru Ban, il Pritzker Prize giapponese

In occasione di Cersaie, venerdi 1° ottobre 2021 alle ore 11:00, presso il Palazzo dei Congressi di Bologna Fiere, si terrà la Lectio magistralis con Shigeru Ban

C’è un legame speciale tra Cersaie, la più importante manifestazione fieristica mondiale della ceramica e dell’arredobagno, e il Pritzker Architecture Prize, il premio che viene assegnato ogni anno per onorare un architetto vivente, le cui opere realizzate dimostrano una combinazione di talento, visione e impegno, e che ha prodotto contributi consistenti e significativi all’umanità e all’ambiente.

Per nove edizioni, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno ha ospitato una Lectio magistralis con un vincitore del prestigioso riconoscimento. Nel 2021 raggiunge il numero “dieci”. Dopo Tom Mayne, Renzo Piano, Kazuyo Sejima, Eduardo Souto De Moura, Rafael Moneo, ToyoIto, Glenn Murcutt, Norman Foster e Richard Rogers, l’ospite d’onore di quest’anno sarà Shigeru Ban. L’appuntamento è per venerdi 1° ottobre  alle ore 11:00, presso il Palazzo dei Congressi di Bologna Fiere.

Sostenibilità in primis

Shigeru Ban, architetto nipponico vincitore nel 2014 del Premio Pritzker, ha dimostrato al mondo le infinite potenzialità architettoniche di materiali economici e del tutto naturali e ha fatto della leggerezza e della sostenibilità la sua cifra stilistica. Nel 2012 fu protagonista per la prima volta a Cersaie durante una conferenza sulla sua esperienza nell’affrontare le esigenze abitative che conseguono a catastrofi naturali, quali i terremoti. Come riportato anche nella motivazione della Giuria del Premio conosciuto come “Nobel” dell’architettura, “per Shigeru Ban, la sostenibilità non è un concetto da aggiungere a posteriori; piuttosto, è intrinseca all’architettura. Le sue opere puntano a prodotti e sistemi appropriati che siano in accordo con l’ambiente e il contesto specifico, usando materiali rinnovabili e prodotti localmente, quando possibile”.

L’architetto delle emergenze

Nato a Tokyo nel 1957, Ban, dopo aver studiato in Giappone e aver lavorato con Arata Isozaki, si è formato negli Stati Uniti, alla Southern California Institute of Architecture e alla Cooper Union School of Architecture, dove si è laureato nel1984. L’anno successivo fonda nella sua città natale lo studio Shigeru Ban Architects. Oggi lavora tra Tokyo, New York e Parigi e tra le sue opere più innovative spiccano il Curtain Wall House, il Japan Pavilion Hannover Expo 2000, il Nicolas G. Hayek Center e il Centre Pompidou-Metz.

È noto in tutto il mondo per l’impegno a seguito di emergenze, terremoti o altri disastri naturali, con la progettazione di soluzioni a costi contenuti. Decine i progetti di questo tipo come il Paper Log House, abitazioni economiche e di rapido montaggio per i terremotati di Kobe, e la Paper Church, sempre a Kobe (1995), ma anche la Temporary Elementary School di Chengdu (China 2008), il Container Temporary Housing di Onagawa (Giappone, 2011) e altri interventi in Turchia e in India. Un impegno che diventa corale con la creazione della VAN (Voluntary Architects’ Network), organizzazione non governativa formata da una rete di professionisti coinvolti in questo tipo di progetti.

Oltre al Pritzke Prize del 2014, numerosi i premi che gli sono stati assegnati, tra cui il Thomas Jefferson Foundation Medal in Architecture (2005), l’Ordredes Arts et des Lettres, (2010) and l’Auguste Perret Prize (2011). Ban è stato inoltre membro della giuria del Pritzker Architecture Prize dal 2007 al 2009, professore alla Keio University in Giappone dal 2001 al 2008 e ha insegnato tra gli altri all’Harvard University Graduate School of Design, alla Cornell University (2010) e alla Kyoto University of Art and Design.

Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno, che quest’anno si tiene in presenza presso il Quartiere Fieristico di Bologna dal 27 settembre al 1 ottobre prossimi, si conferma l’appuntamento mondiale più importante per la ceramica, l’arredobagno, l’architettura ed il design.

production mode